Tutti gli Articoli di

sposachannel

In Nuove collezioni

Emiliano Bengasi ha presentato la nuova collezione sposa ispirata alla storia d’amore tra le stelle Vega e Altair.

Lo scorso 27 giugno si è conclusa la Milano Bridal Week in cui sono state presentate le tendenze della moda sposi 2022. Tra i designer protagonisti dell’evento c’era  anche Emiliano Bengasi che con il Fashion Show “La settima notte” ha presentato la nuova collezione sposa ispirata alla storia d’amore tra le stelle Vega e Altair.
Grande successo di pubblico ed entusiasmo alle stelle per le creazioni presentate.

LA STORIA
Vega passava le sue giornata a tessere vestiti e cucire stoffe per le divinità, lungo le rive della via lattea, questo la rendeva infelice e triste perché lavorando sempre non riusciva a trovare l’amore.
Altair era un pastore che viveva sulla riva opposta della via lattea.
L’ Universo, padre di Vega,  decise di farli incontrare, i due si innamorarono subito e si sposarono.
Il loro amore, però, fu così intenso che i due innamorati iniziarono a trascurare il loro lavoro; questo comportamento costrinse il padre di Vega a proibire ai due innamorati di vedersi, così vennero nuovamente separati dalle due sponde della via lattea e fu concesso loro di incontrarsi un unico giorno l’anno: la settima notte del settimo mese…

UNA COLLEZIONE MASHUP!
 Scambia, combina, crea e componi! La collezione bridal 2022 di Emiliano Bengasi è realizzata con tessuti complementari e cioè scelti e realizzati appositamente affinché gli uni possano abbinarsi con gli altri per creare infinite possibilità di combinazione.
Pizzi, tulle, mikado di seta, Crepe e ricami Swarovski sono stati studiati affinché le varie tipologie di ordito possano accostarsi in base all’estro della persona.
Abiti, dunque, con elementi interscambiabili  dove la sposa ha la possibilità di poter creare personalmente il suo vestito da sogno per il giorno più importante.
Bustini, bolerini, gonne a sirena, ampie o scivolate, body, tute, leggins e top, le proposte sono innumerevoli e le possibilità di combinazione infinite.
Una soluzione che permetterà alla future spose di poter avere outfit diversi durante il matrimonio in base ai contesti in cui si trovano: una gonna sontuosa per la chiesa, una sirena per il ricevimento, un abito corto per scatenarsi in pista e magari una tuta con pantaloncino corto per la festa in piscina.
E allora non resta che dare spazio alla fantasia: componi il tuo abito, crea il tuo outfit, realizza il tuo sogno!

In News dal mondo

Botte tra sposo e testimone: il matrimonio finisce in rissa e intervengono i carabinieri

Lecce – Un brindisi ‘fuori posto’ fa arrabbiare lo sposo. E il pranzo nuziale diventa un ring. Finisce in rissa un matrimonio a Specchia e devono anche intervenire i carabinieri. Tutto si è verificato nel pomeriggio, in via Garibaldi, nel piccolissimo borgo salentino.

Il ricevimento si stava tenendo in uno spazio all’aperto di cui è dotato il locale, con il distanziamento degli ospiti e il numero di quattro invitati per tavolo, come da regole vigenti. Una distanza che, però, non è servita a tenere separati alcuni dei protagonisti della vicenda.

Così sono arrivati i militari del luogo chiamati da qualche commensale per le opportune verifiche dell’accaduto

In News dal mondo

Carrie Symonds sposa Boris Johnson con un abito noleggiato

Carrie Symonds la giovane «first girlfriend» ha sposato a sorpresa Boris Johnson con un abito affittato sul sito My Wardrobe HQ per 45 sterline al giorno. Il vestito firmato da Christos Costarellos ha un prezzo di mercato di 2.870 sterline (circa 3.300 euro) ma le spose che lo vorrebbero acquistare per il loro giorno speciale dovranno ripiegare su modelli simili visto che, a quanto pare, è stato spazzato via dal web nel giro di weekend.

La nuova moglie di Boris Jonhson (la terza dopo Allegra Mostyn-Owen e Marina Wheeler) ha una personalità difficile da imbrigliare in una definizione. Ambientalista convinta e fiera detrattrice delle pellicce, ha dato lustro a piccoli marchi che utilizzano abiti con tessuti di fine produzione come Damselfly LondonJustine Tabak e Johanna Sands, solo per citarne alcuni.

In News dal mondo

L’arte del designer Giuseppe Fata conquista l’Eurovision Song Contest 2021

L’Eurovision Song Contest 2021 si è concluso con grandissimo successo e  nel segno del Made in Italy. Un’ edizione, che ha visto protagonisti molti creativi italiani,  tra i quali  Giuseppe Fata,  il “Genio dell’arte sulla testa”, divenuto un’ icona mondiale per la sua arte, unica nel suo genere e  riconosciuta nelle più importanti fashion week del mondo.

L’Italia è stata rappresentata dai Maneskin, con il pezzo “Zitti e Buoni” e da Sehnit che,  con “Adrenalina” ha rappresentato San Marino.

Le Teste Sculture del noto designer Giuseppe Fata, create in esclusiva per  la cantante Senhit,  hanno  conquistato  il palco dell’Eurovision Song Contest 2021 di Rotterdam. Dalla prima esibizione, il copricapo – scultura è diventato subito virale sui social, catturando l’attenzione della stampa e degli addetti ai lavori. L’opera del maestro Fata ha sorpreso tutto il pubblico presente alla  serata finale, in diretta da Rotterdam, andata in onda sabato 22 maggio,  su Rai1.  La cantante Italo – Eritrea che ha rappresentato San Marino, è arrivata sul palco con un’ imponente corona dorata denominata “ Angelus”, accompagnata dal rapper americano  Flo Rida, sotto la direzione artistica di Luca Tommassini famoso coreografo, regista  internazionale, con l’esclusivo styling di Simone Guidarelli, stylist di Vanity Fair Italia. La cantante ha, inoltre, indossato  un’altra meravigliosa opera scultura, anche, durante la conferenza stampa e sul  red  carpert, impreziosita dall’ incantevole abito di Guidarelli. 

Dichiara in chiusura Giuseppe Fata: “Tanta emozione in questa edizione dell’Eurovision.

Ho sposato  subito il progetto musicale che mi è stato  proposto da Simone Guidarelli e  Luca Tommassini e li ringrazio per la fiducia e stima. Creare bellezza, per me, è vita ed averla regalata, in questa circostanza, attraverso la cantante Senhit, per  questo importantissimo evento musicale mondiale è stato davvero emozionante. La creatività italiana  è riconosciuta e stimata  nel mondo . Noi italiani dobbiamo rinascere con lo spirito che dobbiamo creare ancora tanta bellezza. In questa edizione è stato confermato che l’Italia del futuro c’è!!!

In News dal mondo

MODA MOVIE 2021, resi i nomi dei finalisti e il programma della 25° edizione

Moda Moda Movie compie 25 anni. Un traguardo importante per un progetto nato dall’intuizione di Sante Orrico e cresciuto negli anni per contenuti, eventi e attività.

Un lungo viaggio che verrà raccontato in un libro di prossima pubblicazione nel quale sono raccolti date, nomi e volti di quanti hanno contribuito a fare di Moda Movie il festival dei talenti nella moda, nel cinema e nell’arte.

Se ne è parlato, nello spazio esterno dell’hotel Europa di Rende, durante la conferenza stampa in cui si è annunciato il programma degli eventi, slittati anche quest’anno a settembre, e in cui sono stati annunciati anche i nomi dei 15 finalisti (più le 3 riserve) che accederanno alla fase finale del progetto. 

«Moda Movie è stata ed è un’esperienza bellissima, straordinaria, che mi ha dato tanto perché ho avuto modo di vedere la crescita di tanti giovani di talento, non solo calabresi, che anche grazie al nostro impegno hanno avviato carriere promettenti» – ha affermato Sante Orrico, direttore artistico della manifestazione.

Ottantasette le proposte arrivate alla sede dell’associazione Creazione e Immagine, fra le quali un’apposita commissione – composta da Vincenza Costantino, docente di Pedagogia dello Spettacolo, Loredana Ciliberto, curatrice della sezione Cinema, Anna Maria Coscarello, curatrice della sezione Mod’Art Open Air, Vincenza Salvino e Giuseppe Cupelli, stilisti, Rosa Cardillo, esperta di comunicazione, Carmen Pugliese e Fabio Benincasa, giornalisti, Franca Ferrami, addetta stampa di Moda Movie, e Alice Orrico, studentessa – ha identificato i bozzetti ritenuti più attinenti al tema di questa edizione, “La meta è partire – La moda e la riscoperta del viaggio”.

Un argomento quanto mai attuale su cui si è espressa Loredana Ciliberto, responsabile organizzativa e curatrice della sezione Cinema: «Un messaggio di speranza per un futuro in cui viaggiare e incontrarsi ritorni ad essere la normalità. Quello che Moda Movie fa da 25 anni è assembrare, mettere insieme, creare occasioni di confronto fra giovani stilisti e registi con professionisti già affermati. Un’idea di viaggio che non vuole essere solo ricerca di mete e culture lontane, ma anche la riscoperta di tradizioni locali».

Di seguito nomi e provenienza dei finalisti in ordine alfabetico:

1.    Carpino Giulia – Gorizia – Ist.Statale d’Istruz. Sup. “G. D’Annunzio-Max Fabiani”, Gorizia;

2.    Casale Katherine – Picerno (Pz) – Accademia Belle Arti Lorenzo da Viterbo – Viterbo;

3.    De Luca Mancuso Aurora – Mendicino (Cs) – Accademia New Style – Cosenza;

4.    Doria Francesca – Stalettì (Cz) – Accademia della Moda – Napoli;

5.    Escudero Tavoletta Taisha – Pomezia (Rm) – Accademia Belle Arti – Roma;

6.    Fusaro Elisabetta – Corigliano-Rossano (Cs) – IIS Garibaldi Alfano Da Vinci – Castrovillari;

7.    Giorgio Giulia – Roma – IIS Pertini Falcone – Roma;

8.    Gregoris Carlotta – Azzano Decimo (Pn) – Ist. Tec. Isis “Zanussi” – Pordenone;

9.    Lin Jiayi – Brugnera (Pn) – Ist. Tec. Isis “Zanussi” – Pordenone;

10. Loiacono Emily – Soverato (Cz) – Accademia New Style – Cosenza;

11. Mounib Khadija – Fanna (Pn) – Ist. Tec. Isis “Zanussi” – Pordenone;

12. Niglio Pierluigi – Roma – Accademia Moda e Costume – Roma;

13. Sulas Ester – Nuoro – Istituto di Moda Burgo;

14. Tarantini Claudia – Bari – Koefia Accademia internazionale – Roma;

15. Zaramella Matilda – Pramaggiore (Ve) – Ist. Tec. Isis “Zanussi” – Pordenone.

Riserve:

1.    Tavilla Francesco – Genova – Alta Sartoria Fashion School – Verona;

2.    Forte Kayla – Pordenone – Ist. Tec. Isis “Zanussi” – Pordenone;

3.    Baggioli Evy – Pieris – San Canzian Isonzo (Go) – Ist.Statale d’Istruz. Sup. “G. D’Annunzio-Max Fabiani”, Gorizia.

In News dal mondo

L’abito da sposa di Lady Diana va in mostra

La mostra si terrà a Kensington Palace e si chiama “Royal Style in the Making”, con un bel tuffo nello stile e nel fashion world della famiglia reale britannica. Realizzato con taffetà di pura seta, adornato di pizzi antichi e con uno strascico di quasi otto metri, l’abito da sposa di Lady Diana è un sogno a occhi aperti. Come dimenticare l’immagine della giovanissima principessa mentre incede lungo la navata di Saint Paul Cathedral in quel lontano luglio del 1981? Ora l’abito da sposa che ha fatto sognare intere generazioni di spose torna protagonista di una mostra a Kensington Palace, in programma dal 3 giugno 2021, con il titolo “Royal Style in the Making“.

Il taffetà di seta era stato ricamato da Stephen Walters della Suffolk, mentre i pizzi erano stati realizzati secondo la tradizionale tecnica dei merletti di Carrickmacross, adoperata anche per l’abito da sposa indossato da Kate Middleton, in occasione del suo matrimonio con il principe William. Ma l’elemento che rese leggendario questo abito fu lo strascico: con i suoi quasi 8 metri di lunghezza, è lo strascico più lungo che si sia mai visto a un matrimonio reale.

in mostra sarà presente anche l’abito indossato dalla Regina Madre in occasione dell’incoronazione di Giorgio VI nel 1937. Creato dalla stilista di corte londinese Madame Handley-Seymour, la designer prediletta della regina Mary, con un’innata comprensione delle regole e della tradizione reale, l’abito in raso di seta con i suoi emblemi nazionali dorati fu la scelta perfetta per incarnare l’inizio di un nuovo e inaspettato regno, dopo l’abdicazione di Edoardo VIII.

In News dal mondo

Matrimoni ed eventi, gli operatori in piazza: ” In un anno persi 30 miliardi di fatturato”

Trenta miliardi di fatturato e oltre altri 30 di indotto, un milione di dipendenti tra lavoratori a tempo indeterminato e a chiamata,  con una quota maggioritaria di donne, tra il 2,5 e il 3 per cento del Pil italiano, una tradizione legata alle feste per i matrimoni, i battesimi, le cresime, tutti i tipi di eventi privati, anche aziendali, che rischia di perdersi per sempre portando via dall’Italia una fetta importante di turismo, quella degli sposi che arrivavano da ogni parte del mondo, soprattutto nelle città d’arte e nelle Regioni del Mezzogiorno, per festeggiare con amici e parenti. Oggi gli operatori del settore matrimoni ed eventi sono scesi in piazza per protestare contro la mancata riapertura: “Il Cdm ci ha esclusi dal calendario, nonostante la Conferenza delle Regioni avesse già trovato l’accordo per il protocollo di sicurezza”, contestano le associazioni a cui fanno capo le 90 mila aziende del settore, Unanime, Assoeventi, Federmep e Feu, coordinate da “Insieme per il wedding”. I flashmob si sono tenuti a Milano, Torino, Udine, Venezia, Genova, Bologna, Firenze,Campobasso, Bari, Palermo, Cagliari, Napoli, Catanzaro. A Roma davanti a Montecitorio c’erano anche sposi in abito da cerimonia e sacerdoti: la cancellazione dell’85% dei matrimoni nel 2020 coinvolge anche la Chiesa, hanno spiegato gli organizzatori.

Gli operatori della filiera lamentano cali del fatturato tra l’85 e il 90%. E temono di perdere per sempre una fetta importante di turismo, quel milone e mezzo di arrivi annui che negli ultimi anni era legato agli sposi che da ogni parte del mondo venivano in Italia per festeggiare il proprio matrimonio, portandosi dietro anche un numero cospicuo di invitati. Oppure di essere sostituiti dagli abusivi, che non si preoccupano dalla normativa antiCovid.

Fonte Repubblica https://www.repubblica.it/economia/2021/04/26/news/matrimoni_ed_eventi_gli_operatori_in_piazza_in_11_citta_fateci_riaprire_in_un_anno_persi_30_miliardi_di_fatturato_-298135624/

In Film e programmi TV

“Chi veste la sposa”, la quinta stagione è in arrivo su Sky Uno

Dal 1° aprile su Sky Uno va in onda la quinta stagione del format che vede in prima linea mamma e suocera, pronte a sfidarsi e a rimboccarsi le maniche per trovare l’abito dei sogni della futura sposa. A loro disposizione, oltre a un atelier ricco di vari e meravigliosi abiti, non mancheranno i preziosi consigli delle wedding stylist Sarah e Corinna. 

In News dal mondo

Festa di matrimonio in casa, interviene la polizia, gli invitati fuggono dalla finestra

Nel tardo pomeriggio di domenica, la polizia di Ferrara è intervenuta in via Cassoli, dove un cittadino segnalava che, da un appartamento, proveniva musica ad alto volume e che, all’interno, vi erano radunate più persone.

Alla vista degli agenti alcuni presenti hanno cercato di allontanarsi dall’appartamento posto al primo piano, anche calandosi da un terrazzo. Le forze dell’ordine però li hanno bloccati. Gli abitanti dell’appartamento hanno poi detto che stavano festeggiando un matrimonio e per tale motivo aveva invitato alcuni conoscenti. La festa è stata interrotta e al termine delle identificazioni, sono stati multati diciannove cittadini di origine nigeriana tra i 20 e i 30 anni.